Animali PASSIONE FELINA | 4 ottobre giornata internazionale degli animali

Animali

PASSIONE FELINA

♦ Ricorrenza Il 4 ottobre è la giornata internazionale degli animali. Dietro le quinte di un corretto allevamento di gatti di razza, come i norvegesi delle foreste.

DI AMELIA VALSECCHI JORIO

Nelly Badea Bozzoli alleva felini di razza. In questa foto, mamma gatta porta via il cucciolo per allattarlo. In alto, invece, un esemplare maschio all’aperto.

C’è chi crede che per allevare gatti di razza siano sufficienti un maschio e una femmina da riproduzione. In realtà ci vuole disciplina, ordine e igiene negli spazi in cui crescono i cuccioli e si tengono gli adulti. La passione è fondamentale, perché mantenere un allevamento nelle condizioni igieniche e strutturali necessarie comporta una buona dose di conoscenze (alimentazione, igiene del gatto, principali malattie), tempo, energia e tanti soldi. Siamo stati nell’allevamento di Nelly Badea Bozzoli, presidente della Società felina tici- nese (www.societafelinaticinese.com) e allevatrice di gatti norvegesi delle foreste: «Non c’è nulla di più sbagliato nel credere che allevare gatti renda in fatto di denaro. Chi non alleva non si rende conto di quanto lavoro e quanti soldi ci vogliano per gestire un allevamento serio. Per lavorare in modo corretto ci sono regole da seguire».

La prima visita in un allevamento deve colpirci per l’organizzazione degli spazi e per l’igiene in cui vengono tenuti i gatti. Naturalmente i mici non devono essere rinchiusi in spazi troppo piccoli e devono disporre di metri quadrati sufficienti per le loro attività, compresa un’altezza di almeno due metri per arrampicarsi. L’allevamento in gabbia è severamente proibito in Svizzera. Per il benessere degli animali, un allevatore dovrebbe avere uno spazio esterno, dove i gatti escono in sicurezza. Un terrazzo è sufficiente, se i mici sono limitati.

I gatti da riproduzione

I gatti possono riprodursi quando hanno raggiunto un’età minima di sviluppo. Questo dipende dalla razza del felino.

CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO: 

PAG. 1: http://epaper.cooperazione.ch/device_coop/dev1/2016/10-04/fe/a4/file6rr5udz1afp11yexwkoq.pdf

PAG. 2: http://epaper.cooperazione.ch/device_coop/dev1/2016/10-04/a3/d9/file6rr5ue3bxxz14zmgzkop.pdf

Pubblicato su Cooperazione N. 40, 2016.